Image 

I difficili rapporti di Gesù
con i farisei e sadducei

Nei tre anni vita pubblica del Messia, i suoi rapporti con il popolo sono stati sempre ispirati ad una infinita misericordia e sollecitudine verso tutti i problemi della sua gente. Per loro compie prodigi come moltiplicazione dei pani, guarisce infermi, sana malati, addirittura risuscita un suo amico carissimo, Lazzaro. Lo seguono folle immense, lo ammirano, lo applaudono perché pensano che Lui veramente risolverà tutti i loro problemi.

 


 



 

 

 

Image

Ma ci sono due categorie di persone con le quali avrà rapporti difficili, tesi: sono i Sadducei ed i Farisei.

I Sadducei, così detti perché si attenevano alla sola giustizia legale (la sola legge di Mosè) a differenza dei Farisei che ammettevano obbligatorie le osservanze tradizionali,erano scettici epicurei e negavano non solo la risurrezione dei corpi, ma anche l'immortalità.

Nella Sua missione itinerante in mezzo alle folle, ci sono sempre alcuni Farisei e Sadducei; lo seguono apparentemente con interesse, pongono quesiti, chiedono spiegazioni al Maestro, ma solo, come riportano gli evangelisti, per tentarlo, per metterlo alla prova.

Le uniche parole durissime del Cristo misericordioso sono per loro, perché era insopportabile la loro ipocrisia e falsità. E' impressionante la sequela di anatemi che Gesù rivolge ai Farisei, come viene riportata al capitolo 23 del Vangelo di Matteo "... sulla cattedra di Mosè si sono assisi gli Scribi e i Farisei. Fate dunque ciò che vi dicono: ma non agite secondo le opere loro, perché dicono e non fanno. Legano infatti, pesi gravi e insopportabili e li caricano sulle spalle degli uomini; ma essi non li vogliono muovere neppure con un dito. Fanno poi tutte le loro azioni per essere veduti dagli uomini ... amano i primi posti nei conviti e i primi seggi nelle sinagoghe; vogliono essere salutati nelle pubbliche piazze...  ma  guai a voi scribi e farisei ipocriti perché serrate in faccia agli uomini il Regno dei cieli; e non ci entrate voi, né lasciate che ci entrino quelli che ci vogliono entrare. Guai a voi scribi e farisei ipocriti, che pagate la decima della menta, dell'aneto e del cimino e trascurate le cose più essenziali della Legge: la giustizia, la misericordia e la fedeltà. Guai a voi, scribi e farisei ipocriti! che pulite il di fuori del bicchiere e del piatto, mentre il di dentro è pieno di rapina e di immondizia. Fariseo cieco, lava prima il di dentro del bicchiere e del piatto; sicché anche il di fuori diventi pulito.

Guai a voi FARISEI IPOCRITI!

Perché siete simili a sepolcri imbiancati, i quali, visti di fuori, paiono splendidi, ma dentro sono pieni di ossa di morti e d'ogni putredine.... Serpenti, razza di vipere! come scamperete alla condanna della Geenna?".

La tradizione popolare ha identificato fino ad oggi la parola Fariseo come sinonimo di falso, ed ancora oggi, come fece Gesù, quando identifica una persona con il termine "fariseo" pronuncia con un accento di disprezzo l'espressione "che fariseo che sei".

Dopo la requisitoria del Cristo contro i Farisei, l'evangelista Matteo conclude il cap. 23 con l'accorato appello di Gesù al suo popolo: Gerusalemme, Gerusalemme che uccidi i profeti e lapidi quelli che sono inviati quante volte ho voluto radunare i tuoi figli, come la gallina raduna i suoi pulcini, e tu non hai voluto...

AS VIAS DO ESPIRITO

Pascoa Hebráica e Cristã

Image

EXPLORAÇÃO DAS ORÍGENS HEBRÁICAS
E PALEOCRISTÃS DA FESTIVIDADE PASCAL

A Pascoa Hebráica

A palavra Pascoa  deriva da lingua Hebráica "paseh" que significa passagem. Era uma festa anual que os Hebréus recordavam e ainda recordam a prodigiosa travessia do Mar Vermelho, quando, depois de 430 anos de escravidão no Egito foram libertados por Moises. Ele os conduziu através o deserto para a terra da Palestina, a terra prometida, com uma viagem que durou 40 anos, cheia de dificuldades. Viajar, de fato, com uma numerosa caravana por montanhas e campos era um motivo de beligerância para com os proprietários das terras. Para evitar a animosidade perante a comunidade que encontrava, Moises escolheu o àrduo caminho do deserto.
 
Codice shinistaT

THE WAYS OF THE SPIRIT

Testimony directory

Image

"I will follow you Lord
 in
the way of pain"


Emanuela 31 years old.
Her very short period of life

On May 14 th 1974 a baby giri 50 days old was brought to the baptismal font. I Don Lucio asked to the parents: "What name do you give to your daughter?". “Emanuela” they answered. I explained the meaning of the name "GOD WITH US". We could never think that little Emanuela one day would consecrate her ife to God in the way of pain. Emanuela: at the beginning of my existence it was piaced around my neck a "VIA PASS" to open the entrante gate with the inscription "BAPTIZED” daughter of God. ln my first years of life I was always on my mothers arms and what I did was only sleep and eat.


 

LOS CAMINOS DEL ESPIRITU

Fiesta de la Anunciación

Image

Fiesta de la Anunciación

 

ES LA FIESTA DEL “SI”.

¡Si! Señor. Sin resistencias ni prejuicios

 

¡Sí! Señor. Sin filtros ni más palabras

 

¡Sí ¡Hágase tu voluntad!

 

¡Sí. Porque, simplemente, he encontrado gracia ante Dios

 

¡Sí ¡Dichosa me llamarán todas las generaciones!


WEGE DES GEISTES

Il Padre mi ama

Image

Me lo hai assicurato Tu, Maestro mio...

Me lo hai assicurato Tu, Maestro mio; io non lo avrei mai immaginato. Avrei intuito la Sua Potenza per spaventarmi, la Sua Giustizia per impaurirmi.


Tu mi dici che Lui mi guarda con interesse, mi pensa con amore, mi sente, commuovendosi nelle sue viscere paterne/materne.


Lo aveva capito anche il Tuo servo Isaia, ma lui parlava in tono poetico, Tu in quello reale.


Mi hai fatto dire da tuo cugino Giacomo, che il  Padre non mi ha fatto, ma generato nel Verbo della Verità, cioè in Te: non su piano di natura, ma di grazia.

Preghiere

La preghiera del prete

Image

La preghiera
del prete


Dio mio e Signore mio, sono un tuo prete, abbondo di amore per te. I tuoi figli, miei fratelli si aspettano da me i tuoi doni infiniti:  fa di questo tuo prete chiarezza per i loro dubbi, pace se scendono nei tormenti dell'esistenza e gioia nella volontà di vivere i tuoi insegnamenti, le tue parole; fa di me la tua presenza nel loro cuore, nella loro mente come tu sei sempre in me e riempi delle tue certezze i giorni di chi mi interroga, avrò così la tua pace mentre sarò cercato nel tuo nome.