Image


Il Figlio dell'uomo ha il
potere di perdonare i peccati

PENSIERO DELLA DOMENICA
+ VIDEO CORRELATO

In queste domeniche del Tempo Ordinario, in attesa dell’inizio alla preparazione per il grande evento della Resurrezione, la Liturgia ci presenta Gesù attivissimo, nelle sue giornate, a fare del bene e dimostrare concretamente, con i miracoli, che Lui è veramente il Messia, il figlio di Dio fatto uomo.

E’ attorniato dalle folle, tutti lo vogliono avvicinare e i bambini, a gara, cercano di saltargli sulle ginocchia per ottenere una carezza, una benedizione.


Fanno tenerezza gli Apostoli che si danno da fare in tutti i modi per frenare la calca e strillano “Calma, calma, non spingete...” concorrendo, forse anche loro, indirettamente, alla confusione!

 

Image
Una rappresentazione in cui
Gesù si accinge a guarire il paralitico

Ma Gesù non è un attore; guarisce subito il paralirico calato dal tettuccio di paglia della casa dove si trovava; stratagemma usato per passare avanti a tutti.

Non vuole applausi, riconoscimenti, ma sfuggirà alla folla per andare a pregare.
La sua vera missione sarà quella di insegnare alla sua gente, la strada della salvezza.

Ma la forza del male si insinua subito tra la folla.

Dice Marco (2,6-8) ”Erano là seduti alcuni scribi che pensavano in cuor loro: perché costui parla così! Chi può rimettere i peccati se non Dio solo?...”. 

E cominciano le critiche, le osservazioni, perché scatta l’invidia!
E’ una radice che attecchisce con facilità nel nostro cuore.
Lo avrai provato anche tu, nell’ambito familiare, nel tuo ambiente, o nel tuo posto di lavoro; verso i parenti, il capo ufficio, il superiore, il padrone, critiche e giudizi sono all’ardine del giorno.

E ti sei accorto che quello che pensiamo noi è sempre giusto e abbiamo sempre ragione?

Prova anche tu, come cerco anche io di fare, ad avere equilibrio nei tuoi pensieri, parole, giudizi.

Se anche una sola volta nella settimana prossima ci riusciremo, proveremo una sensazione strana di serenità, quasi di gioia, per quella parola detta in meno.

Così avremo risolto tutto?
No, le forze del male cercheranno di prendere posizione nel nostro cuore; ma non ti scoraggiare; la nostra vita quotidiana sarà sempre così, con le nostre debolezze.

Image

La cosa strabiliante è che Dio nostro Padre, continua a volerci sempre bene!

Don Lucio Luzzi

 VIDEO CORRELATO

IL SACERDOTE
 


Image

Image

AS VIAS DO ESPIRITO

SOLENIDADE DE PENTECOSTES

Image

SOLENIDADE DE PENTECOSTES
24 MAIO 2015
UMA REFLEXÃO


O tema principal desse Domingo de Pentecostes é evidentemente o Espirito Santo, como Dom de Deus a todos os crentes que dá vida, renova, transforma e constroe  a comunidade e faz nascer o homem de novo.
O Evangelho nos apresenta a comunidade cristã reunida à volta de Jesus Ressuscitado. Para João essa comunidade passa a ser uma comunidade viva, recriada, nova a partir do Dom do Espirito, sendo o Espirito que permite aos crentes superar o medo e as limitações e da testemunho ao mundo desse amor que Jesus viveu até as ultimas consequências.
...


THE WAYS OF THE SPIRIT

Hail Mary

Image

Hail Mary

Hail Mary full of grace
The Lord is with thee;
Blessed art thou among women
And blessed is the fruit
Of thy womb Jesus


 

LOS CAMINOS DEL ESPIRITU

2 de abril: JUEVES SANTO: DERROCHE DE DONES

Image

2 de abril: JUEVES SANTO:
DERROCHE DE DONES 

“Antes de la fiesta de la Pascua, sabiendo Jesús que había llegado la hora de pasar de este mundo al Padre, habiendo amado a los suyos que estaban en el mundo, los amó hasta el extremo” (Jn 13,1). 
 “Ha llegado la Hora” de la Pascua, la hora del amor, que se compromete hasta el extremo.

WEGE DES GEISTES

Eri umile!

Image

Eri umile!

A me è stato sempre insegnato, in buona fede, da maestri d' indubbia virtù, che dovevo vigilare a non farmi un gran concetto di me stesso, nè di quello che ero, o di cui disponevo personalmente. Bisognava spegnere anche i più lontani indizi di vanagloria. Ma nella sua attuazione ho rischiato tante volte di deprimermi e diventare preda di complessi d'inferiorità immotivati. Ora mi avvedo, o Gesù, che di tutto questo non c'è traccia nel tuo comportamento. Noto con stupore la tua perfetta consapevolezza di essere Figlio di Dio, uguale al Padre, in tutto, senza mai assumere atteggiamenti che sapessero di ambizione, di superbia, o di esibizionismo.




 

Preghiere

San Bonaventura: Mi avvicino alla tua Croce o Signore

S. Bonaventura
Mi avvicino alla tua Croce,
o Signore

Mi avvicino alla Tua croce, o Signore;
al Tuo umile cuore mi appresso, o Gesù,
sostando alla porta del Tuo petto forato.
Così crocifisso, Tu mi aspetti per potermi abbracciare:
il Tuo capo fiorente, trafitto di spine,
Tu inchini su me per invitarmi a un bacio di perdono.