Image

Lettere a Don Giosy

Maria, i ragazzi
della Sicilia gridano:
"Basta con le mafie"

Caro Don Giosy, oggi ho deciso di parlarti della mia meravigliosa isola, la più bella del mondo: la Sicilia. Questo potrebbe sembrare un parere di parte, perché a farlo, è un siciliano. Ma le prove storiche già sono forti. La mia Sicilia è collocata nel cuore del Mediterraneo e proprio per questa sua posizione strategica, è stata, fin dall'antichità, culla di civiltà e di storia. Desiderata dalle maggiori civiltà occidentali, dai Greci, dai Romani, dagli Arabi, dai Normanni e dagli Spagnoli, le tracce di questi popoli restano ancora visibili nelle opere d'arte sparse in tutta l'isola. Ma ciò che rende sicuramente la Sicilia, l'isola più bella del mondo, sono i suoi giovani.

Image

Noi ragazzi siciliani

Noi, siculi 'doc', siamo ragazzi caparbi, testardi e passionali fino alla morte; siamo caratterizzati da un dialetto strano sia per la cadenza che per l'accento molto singolare, ma ricco di termini che non mi sento di definire "volgari" ma "gioiosamente scurrili" (alcuni dei quali divenuti ormai di uso mondiale). Il sorriso ci accompagna in ogni situazione che la vita ci presenta, animati dalla voglia di vivere al massimo e senza rimpianti. Un'esperienza unica e irrepetibile, come la vita che, giorno dopo giorno, brucia le nostre membra e ci aiuta ad andare avanti in un'isola che, da terra di sole e di agrumi, si è trasformata in terra di criminalità e corruzione, terra devastata da un "cancro" che sembra non possa essere curato: la mafia.

I giovani di fronte alla mafia

La cosa più grave è che almeno il venti per cento dei giovani siciliani vede, nel mafioso, una figura di massimo rispetto e onore, un comportamento da usare come... modello. Proprio per questo il bullismo, lo spaccio e il consumo delle droghe, i furti, gli scippi, il pestaggio e i reati in generale, compiuti dai minori, sono una realtà gravissima in Sicilia. Questo problema riguarda soprattutto le grandi città, ma anche i piccoli centri ne sono coinvolti, proprio perché buona parte dei siciliani vede, nel compiere questi crimini, una sorta di "Spirtizza" (così la chiamiamo!), cioè un qualcosa che solo in pochi, i più forti, i più RISPETTATI, coloro che non devono chiedere niente a nessuno e fanno sempre quello che vogliono, possono compiere. La cosa che mi fa quasi ridere è che, alla fine, questi individui sono messi quasi su di un piedistallo dalla comunità dei giovani. Potremmo dire che, in Sicilia, chi più è"vastaso'; più si droga, più è aggressivo e più è quasi osannato dalla massa, da quelli che rappresentano lo stereotipo siciliano (sfaticato, mafioso, maleducato, incivile, manesco), è che purtroppo sono ancora numerosi soprattutto in città ad alta concentrazione di "sperti".

Le ragazze...

Anche le ragazze li trovano affascinanti e desiderabili. Infatti, prima vanno in cerca "dell'uomo - potere", il top, il massimo "u Spertu", poi, quando si ritrovano in possesso dello stesso, vogliono tornare indietro, ma non possono più fuggire e la loro vita diventa una prigione. Un'assurdità, perché, molte volte, per liberarsi dall'oppressione del padrepadrone, si ritrovano a convivere con individui che non hanno mai amato e che spesso le costringono a portare avanti gravidanze indesiderate e, anche se molto giovani, sono obbligate a diventare madri di figli che forse cresceranno senza o comunque lontano dai loro padri. Quelle più ribelli ricorrono agli aborti clandestini, molto diffusi in Sicilia, che sono delle vere torture perché eseguite da persone inesperte, con attrezzi inadatti il cui uso può provocare infezioni che causano la morte. Altre invece, per non essere condannate dalla società, scelgono una vita di maltrattamenti, o addirittura il suicidio. A volte basta fare una passeggiata per essere pestati. Ci sono ragazzi che iniziano a provocare con escamotage assurdi (come uno sguardo che non si doveva lanciare...) Comunque, qualsiasi pretesto è giusto per scatenare una rissa. In Sicilia è pericoloso persino andare in discoteca, perché, se pesti il piede alla persona sbagliata e non hai un bel gruppo con te di amici forti, rischi grosso. Meno male che "questa spazzatura" non viene!

Andarsene!!!

Questo è uno dei tanti motivi che porta ad abbandonare, anche se non in maniera definitiva, quest'isola. Altri motivi sono: la mancanza di strutture di qualsiasi tipo, sportive, culturali e ricreative.  Ciò porta le persone all'esasperazione. E poi ci si aggiunga l'incompetenza di gran parte del personale delle strutture pubbliche, messo lì solo perché raccomandato da persone di potere, ma che, invece, doveva fare tutt'altra cosa. Tutto questo ci porta a una quasi TOTALE SFIDUCIA NELLO STATO, che pare averci abbandonato. Anche nelle scuole abbiamo questa piaga ... specie nel mio Istituto. Io faccio parte dei figli di quei padri che non contano nulla e ho faticato tanto per arrivare dove sono, nonostante tante ingiustizie subite. Ma sono fiero di tutto questo perché sono sicuro dell'onestà di mio padre e contento delle mie capacità. Io sono molto `tosto', non mi arrendo. La Trinacria è cucita con fili di ferro sul mio cuore e niente e nessuno potrà mai staccarla. Qui i giusti siculi, considerati "babbi" (persone, cioè, prive di personalità e intelligenza) si sentono soli e abbandonati.

Il mio impegno

Proprio per questo ho preso un impegno con me stesso: anche se dolorosamente dovrò lasciare la mia famiglia speciale e dovrò andare via e diventare ... 'qualcuno', lo farò soltanto per poter portare beneficio alla mia terra e alla sua gente.

Grazie Don Giosy,
ti aspettiamo in Sicilia!


Salvo & Gianni

Image
Don Giosy Cento

Video correlato
Image
"La carezza tua"
Elaborazione musicale di Don Giosy Cento
Introduzione a cura di Don Lucio Luzzi - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

AS VIAS DO ESPIRITO

Ascenção do Senhor

Image

Evangelho
Ascenção do Senhor  - 12 de Maio

                                Um pensamento
Ascenção, palavra que significa subída, é a elevação de Cristo aos céus, fato que significa também a plenitude da Pascoa. Diante dos olhos dos seus discipulos Jesus elevou-se aos céus:  é o momento em que Ele revelou e nos mostrou sua divinidade.
Esse foi seu penultimo milagre, porque essa foi a penultima apariçaõ de Jesus que termina com a entrada irreversivel de sua humanidade na gloria divina, simbolizada por uma nuvem. A subída de Jesus aos céus pode nos estranhar, assim como deixaram os seus discipulos de boca aberta, estupefatos, como a dizer:  " E agora ? "

                              
Codice shinistaT

THE WAYS OF THE SPIRIT

Our Lord,your Church

Image

Our Lord, your Church
 

seems sometimes a boat on the verge to sink, a boat roached by the waves.

And in yourf cornfield we see much more tare than corn.

Have merey of your Churche..





LOS CAMINOS DEL ESPIRITU

CON MI IGLESIA, CREO EN TI, SEÑOR!

Image
¡CON MI IGLESIA, CREO EN TI, SEÑOR!

Abriré las puertas, cuando me llamen a tiempos y a deshoras
y, aun con incertidumbres o dudas,
proclamaré que estás vivo y operante
Que, en mis miedos y temores,
me das la valentía de un león
para hacer frente a mis adversarios.

 

WEGE DES GEISTES

Esaltazione della Santa Croce

Image


Esaltazione della
Santa Croce

PENSIERO DELLA DOMENICA
+ VIDEO CORRELATO

La Chiesa cattolica, molti gruppi protestanti, (spesso quelli di origine anglicana), e gli ortodossi celebrano la Festa della Esaltazione della Santa Croce.

La data del 14 Settembre segna l’anniversario di una dedicazione che lasciò nella storia ecclesiastica un profondo ricordo.

Preghiere

LA FORZA DELLA PREGHIERA

Image

LA FORZA DELLA PREGHIERA

 

La prima cosa che dobbiamo osservare quando preghiamo é conoscere la sua forza, la sua efficacia e abbandonarci interamente nelle mani del Padre. É avere la certezza che tutto quanto chiediamo al Signore, Lui ci ascolta e se non ci dà quello che desideriamo o pensare di avere bisogno, dobbiamo avere la certezza che il Signore ci esaudisce di una forma che a noi non é percepito il come. Dio non si dimentica di noi e quando ci collochiamo nelle sue mani Lui vede più avanti e vede quello che noi non possiamo immaginare per il nostro bene.