Image

Giuseppe il carpentiere: padre putativo

Giuseppe veniva scritto in aramaico così: YHWSP, che secondo le vocali poste sotto a queste 5 consonanti, (si faceva così nell'ebraico antico!) poteva suonare YHOSIP o YHOSEPH. Dunque a Nazareth nella Galilea, quindi da Maria e da Gesù, Giuseppe veniva pronunziato in questa maniera. Attraverso le trasformazioni greche e latine siamo arrivato alla forma attuale italiana Giuseppe.
Se veniamo alla sua condizione sociale, Giuseppe veniva presentato, fino a pochi anni or sono, come falegname. Qualcuno aggiungeva falegname - fabbro ferraio. Gli ultimi studi hanno accertato che il termine greco usato da Marco 6,3, tékton dice qualcos'altro: carpentiere, abilitato anche a fabbricare case.

Image

Padre putativo: termine del tutto oscuro, per chi non conosce il latino e suppone che indichi padre adottivo. Putativo, dal latino potare (= reputare, ritenere) vuol dire che Giuseppe fu creduto, si pensò dalla gente, che fosse il vero padre di Gesù, mentre non lo era, per via dell'azione dello Spirito Santo nel mistero dell'Incarnazione del Verbo. La fede non ammette dubbi, su questo.
Abbiamo, pertanto, che un uomo, per un disegno arcano di Dio, si trovò ad avere un figlio che non aveva generato lui (gli era stato chiarito, attraverso un sogno - visione) e intanto svolse con questo figlio, Gesù, tutte le mansioni di vero padre: lavorò per lui, si prese cura di lui, rischiò gravemente per lui, come sappiamo da Matteo e Luca. Gesù, ovviamente, lo amò, gli fu sottomesso, come a vero padre.
E, con tutto ciò, la storia cristiana, per un riguardo al mistero dell'Incarnazione, di conseguenza, alla Verginità di Maria, lo ha tenuto sempre nell'ombra, mentre celebrava (e giustamente) Apostoli, Martiri, il Battista, i Santi più vari.
Di Giuseppe si sono interessati attivamente quasi solo S. Bernardino da Siena e S. Teresa d' Avila, Pio IX che lo dichiarò Patrono della Chiesa Universale, Giovanni XXIII che gli aveva riservato una grande Solennità l'11 maggio. Niente da fare.
Perfino nelle anafore della S. Messa, si nominano tanti Santi, anche alcuni dei quali conosciamo appena il nome, e di S. Giuseppe niente!... Meravigliarsene e protestare sarebbe proprio fuori luogo: la storia ne riserva molte, di queste sorprese...
La Chiesa, per chi ha intelletto di fede, offre quanto occorre per capire che, dopo Gesù e Maria, nessuno ha fatto più di Giuseppe, nella storia della Salvezza: neppure gli Apostoli!

THE WAYS OF THE SPIRIT

Festivity of All Saints

Image

Festivity of All Saints:
vision of Paradise


Our calendar reminds us every single day the name of one saint, which is equivalent to our name, "Feast Day". The Church gives very much importance to the feast of  All Saints that celebrates every year on the first day of November. This festivity reminds us the stupendous reality of the vision of paradise when the crowds of saints together with myriads of Angels live in the eternal vision the beatitude of God.
 

LOS CAMINOS DEL ESPIRITU

15 Domingo del tiempo ordinario.

Image

15 Domingo del tiempo ordinario.
 Evangelio: Marcos 6,7-13
“Llamó Jesús a los Doce y los fue enviando de dos en dos, dándoles autoridad sobre los espíritus inmundos”
La oración es un camino de pobreza confiada: “Solo Dios basta”. ¡Qué belleza tiene la oración! Limpia y alegre, profética y libre de toda falsa seguridad, pobre, sin otros intereses que la pasión de que las gentes miren a Jesús. La oración nos orienta los pies hacia las orillas, donde gritan los que esperan curación y liberación.



WEGE DES GEISTES

TREDICESIMA DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Image

TREDICESIMA DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO
28 GIUGNO DEL 2015
UNA RIFLESSIONE


Dio ama la vita !  Lui vuole la vita !  Dio ha creato l'uomo per essere incorruttibile e per mezzo del suo Figlio Gesù ci salva dalla morte: ecco perché Gli diamo grazie in ogni Eucaristia.  Nella sua vita terrena Gesù ha sempre difeso la vita. Il Vangelo di oggi ci riferisce due episodi che manifestano la difesa della vita: Lui cura e alza, torna libere tutte le persone e dà a loro tutta la dignità e capacità di vivere pienamente.  Sappiamo, noi, dir-Gli che Lui é la nostra allegria di vivere ?  Viviamo una epoca di ferie e questo é una occasione propizia per celebrare la festa della vita. 

Preghiere

Preghiera del Papa Francesco

Image

Preghiera del Papa Francesco

Signore, sono il Papa. Mi  presento a Te, non come mi vedono gli uomini: il Dio in terra; la più alta autorità morale; l’uomo ascoltato ed acclamato da milioni di persone; il sicuro; l’infallibile; il dolce Cristo in terra! Mi presento per quello che sono: un povero uomo che dal momento della sua elezione ha cessato di essere se stesso per divenire istituzione, Simbolo, tutto per gli altri e niente per se. lo devo misurare le parole perche il mio uditorio è l’umanità; non posso piangere in pubblico perché devo predicare Ia speranza; abito in una casa dorata: Ia mia prigione a vita. In più la storia ha confuso il servo con il Padrone; il segretario col Direttore; il timoniere col Capitano.
-->