Image

Ultimo atto estremo
di amore del Cristo

Il ciclo di vita terrena del Messia  sta per concludersi. Dopo l’ingresso trionfale in Gerusalemme con tutto il popolo esultante, gli Apostoli fanno presente al Maestro che è Pasqua. Era la festa centrale la “fashe” come la chiamavano gli ebrei, nel ricordo del passaggio del Mar Rosso, dopo la schiavitù dall’Egitto. Gesù aveva tutto il diritto di dire: “...non me la sento di far festa, il mio animo è turbato…”; e invece quanta premura per i suoi amici! Accondiscende fa preparare una sala ben imbandita in una locanda ed insieme con i suoi fa la Cena di Pasqua.

Image

Era un pasto rituale, che si consumava in piedi con un bastone in mano; si mangiava agnello arrostito e si intingeva il pane in un tegamino  contenente “haroseth”, un sugo piccantissimo. Si passava tra i presenti una coppa di vino in cui tutti sorseggiavano.

Gesù prese un pezzetto di pane, lo intinse e lo porse a Giuda, dicendo con un filo di voce tremante: “Quello che devi fare, fallo presto…”.

Gli Apostoli non compresero nulla, addirittura pensavano  che l’avesse mandato a comperare qualcosa per chiudere in bellezza la festa!!  E in questo stato d’animo il Cristo  compie il più grande atto di amore per i suoi amici.
“Ho desiderato ardentemente di mangiare questa Pasqua con voi...”. Poi, fatto inaudito, istituì l’ Eucarestia, e gli Apostoli fecero la loro Prima Comunione, al termine della cena; ma non avevano  compreso la portata dell’evento.

Usciranno al termine della abbondante cena, si mettono all’aperto sotto gli ulivi, appesantiti e si addormentano. Il Cristo rimane solo; è l’inizio della Passione cruenta. Ha paura, ha dei brividi, sulla fronte si mescola al sudore freddo qualche goccia di sangue.

La sofferenza più grande è adesso: costatare
che un suo amico, Giuda, lo tradirà.

Don Lucio Luzzi
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Viedellospirito.it

AS VIAS DO ESPIRITO

IMITAÇÃO DE CRISTO

Image

AVISOS ÚTEIS PARA A VIDA ESPIRITUAL
DA IMITAÇÃO DE CRISTO E O DESAPEG0
DAS VAIDADES DO MUNDO


Quem me segue não anda nas trevas, diz o Senhor. São estas as palavras de Cristo pelas quais somos exortados a imitar sua vida e seus costumes, se verdadeiramente desejamos ser esclarecidos e livres de toda cegueira do coração. Seja,pois, nosso principal empenho meditar a vida de Jesus Cristo.A sua doutrina sobreleva a de todos os santos e quem possuir seu espirito encontrará um maná escondido.Acontece, porém, que muitos da frequente audição do Evangelho tiram pouco proveito, por não terem espirito de Cristo
.

THE WAYS OF THE SPIRIT

Miracles

Image

Miracles:
irrefutable proof of the
Divinity of the Messiah


The word miracle indeed means any phenomenon produced by a supernatural force because it escapes the usual laws of nature. It is also confirmed in the popular lexicon, when it is said: "I can not make miracles... I can not do the impossible!". Existence of John the Baptist were sad, studded with troubles and adversities. He will be placed in prison of Machaerus, because he had publicly rebuked Herod, who took possession of Herodias , his brother Philip's wife.

LOS CAMINOS DEL ESPIRITU

Miércoles de Cenizan

Image
Miércoles de Cenizan

"La liturgia del Miércoles de Ceniza no se enfoca e la pecaminosidad del penitente, sino en la misericordia de Dios... Las cenizas marcan todo nuestro ser con la misericordiosa bendición de Dios"  - Thomas Merton



 

 


 

 

"

WEGE DES GEISTES

"Questi è il mio Figlio, l'amato: ascoltatelo"

Image

                                                      Una voce dalla nube

 "Questi è il mio Figlio,
l'amato: ascoltatelo"

PENSIERO DELLA DOMENICA
+ VIDEO CORRELATO

Questo è il tempo (Quaresima) dell’ascolto orante della Parola di Dio.
Gesù ha parlato ancora una volta ai suoi amici “... Che dovrà  molto soffrire ed essere condannato a morte...”.


Gli Apostoli rimangono ammutoliti e sul loro viso appaiono evidenti i segni dello scoraggiamento. Il Maestro è ridisceso con loro in Galilea; prende con sé Pietro, che doveva essere il fondamento visibile della Chiesa, con altri due privilegiati testimoni (Giacomo e  Giovanni) necessari, secondo la legge, per avvalorare la testimonianza (cfr. Deut. 19,15) e sale sul monte Tabor.

Preghiere

croce dei giovani noi ti guardiamo

Image

Croce dei Giovani noi ti guardiamo

I giovani sono gabbiani, il loro volo ci affascina.
Sono acqua pulita e nuova, rugiada fresca
e vita sui nostri volti e sul cuore.
Sono arcobaleni colorati:
danno senso alla nostra vita stanca e grigia.
l giovani sono il sole: quando li guardiamo e li ascoltiamo
ci regalano luce e calore.