Image

Bonaventura e
Francesco


Non abbiamo molti dati personali sulla vita di Bonaventura, tuttavia attraverso i suoi scritti si può capire quale è stato l'influsso di Francesco su di lui. II primo impatto con Francesco è avvenuto in occasione della gravissima malattia che lo colpì tra i 9 e i 14 anni, quando la madre chiese a Dio la grazia della guarigione del figlio attraverso l'intercessione di san Francesco. Non appena "strappato dalle fauci della morte e restituito incolume al vigor della vita" fu consegnato dalla madre ai frati minori del convento di Bagnoregio presso i quali non soltanto studiò, ma incominciò a conoscere il loro fondatore. Più tardi nel 1243 Bonaventura entrò a far parte dell'Ordine sedotto non soltanto dall'esempio di alcuni docenti universitari francescani, ma soprattutto dallo spirito evangelico del poverello di Assisi. Osservando poi che tra i francescani si trovava gente umile ed eminenti studiosi, si persuase che si potevano benissimo conciliare umiltà e povertà con la speculazione sapienziale.


San Bonaventura da Bagnoregio

Eletto ministro generale dell'Ordine, appena conosciuta. un mese dopo, la notizia, dato che non era presente al Capitolo celebrato a Roma il 2 febbraio 1257. scrisse subito una lettera circolare segnalando i problemi gravissimi del momento e formulando un primo ed urgente programma.

Era necessario che l'Ordine tornasse immediatamente allo spirito di Francesco, suo modello incontrastato, ripristinando lo spirito di orazione, tornando alla povertà ed alla austerità e soprattutto selezionando i candidati. dati. Tutto questo zelo si giustificava con la sua devozione a Francesco.

Nel 1259 salì alla Verna imitando il padre Francesco considerando il luogo come "quieto rifugio ove cercare la pace dello spirito". Quella ascesa fu provvidenziale perché aiutò Bonaventura a capire meglio Francesco ed a capire quale doveva essere il cammino della creatura per raggiungere la sapienza cristiana.

È sulla Verna che intuì il significato del Serafino alato in forma di crocifisso visto da Francesco. In tale visione gli veniva offerta l'estasi contemplativa del Padre e la via che ad essa conduce fu così che venne concepito e realizzato "L'Itinerarium mentis in Deum".

Così, come sulla Verna, "nella polvere della carne" di Francesco furono tracciati i segni della sapienza cristiana, così sullo stesso monte Bonaventura si aprì alla sapienza cristiana attraverso il desiderio e l'elevazione delle cose terrene.

La vita eroica e le stigmate di Francesco furono per Bonaventura l'argomento trascinante che lo condussero a riprodurre sul piano speculativo ciò che Francesco aveva vissuto sul piano ascetico. Nell'Itinerarium infatti si incontrano il francescano e I'uomo-dì cultura, l'esperienza intima e la speculazione, la pietà e la scienza, la devozione e l'investigazione.


Quando Bonaventura ripercorse i luoghi di Francesco, non vi andò per puro studio, ma a mò di pellegrinaggio alla ricerca della ispirazione del maestro.

È per questo che la Leggenda Maior, o vita di Francesco non è scritta da un freddo impiegato ma da un cuore profondamente innamorato. Tuttavia per Bonaventura il vero modello da imitare è Cristo e Francesco è solo un aiuto per raggiungere lo scopo.

In moltissime opere di Bonaventura è presente Francesco, ma quella principale è la Legenda Maior: "la vita di Francesco" perché è li che la figura del Serafico vista da Bonaventura emerge al massimo. B non ha conosciuto Francesco, ma attraverso le testimonianze ancora fresche e la regola si è fatto un concetto altissimo di Lui.

Francesco, con la vita e la missione si immerse in Dio senza troppa speculazione divenendo esempio vivente di Cristo e maestro insuperabile nel cercare le tracce di Dio nelle sue creature. Il Poverello, secondo il Dottore, si può paragonare ad una meteora che più si avvicina al sole e più si purifica finché assorbita dall'astro celeste, diviene con lui una sola cosa. Infatti le stigmate sono la dimostrazione dell' avvenuta amalgamazione Dio/Francesco. E per questo che il Poverello è descritto dal Dottore con una infinità di titoli perché è tanta la sua ammirazione da considerarlo un diamante dalle infinite sfaccettature: Uomo, uomo di Dio, servo, padre, povero, araldo, soldato di Cristo, pastore, duce, amico di Cristo, amico dello sposo, amico dell'Altissimo, amico dell'apostolica povertà, esemplare, negoziatore, professore, specchio, architetto, medico, confessore, stella.

Per illustrare meglio la personalità di Francesco, Bonaventura si serve della tipologia biblica. Mosè salì sul Sinai dove, dopo 40 giorni, ricevette le tavole della legge, poi le infranse e le riebbe di nuovo.

Francesco dopo un ritiro di 40 giorni, sul monte de La Verna, stese la regola, la smarrì e la stese di nuovo identica alla prima. Come Eliseo, Bonaventura attribuisce a Francesco la frase "Carro e guida" pronunciata dal profeta, guardando Elia che scompariva su di un carro di fuoco.

Francesco viene paragonato ad Enoch per le sue capacità profetiche e a Giobbe per la sua pazienza. Viene anche collocato tra David "il pastore" e Pietro "il pescatore" con la qualifica di "mercante" Francesco, mentre andava verso la Puglia, durante una visione esclamò come Paolo:

 "Signore che vuoi che io faccia?"
(At 9,6)



San Francesco da Assisi

Per quanto riguarda le similitudini di Francesco con Cristo basterà ricordare il digiuno di Gesù nel deserto e quello di Francesco, la salita sul Tabor e quella sulla Verna.

Viene paragonato al Gesù di Emmaus, quando, travestito da viandante, nel giorno di Pasqua chiese l'elemosina ai suoi frati. Per non parlare delle stigmate che resero Francesco perfettamente conforme al suo modello: Cristo.

E poiché la conformità era l'ideale del poverello, Bonaventura la descrive in maniera particolare Il Gesù apparso spregevole come un lebbroso è l'esperienza che Francesco prova nell'incontro con il lebbroso. La spoliazione davanti al vescovo di Assisi è stata l'occasione per iniziare a vivere nudo con il nudo. E quando Francesco scopre la croce, essa diventerà l'ideale Francescano: "crocifisso con il Crocifisso", il tema principale della predicazione, il simbolo della missione e l'arma contro il maligno.

Per arrivare alla piena conformità con Cristo il Dottore indica i tre gradini sperimentati da Francesco. II primo esige la generosità nei confronti dei poveri e dei lebbrosi, la disponibilità ad ascoltare lo Spirito, la sopportazione delle difficoltà, il dominio della carne, il disprezzo del mondo, e poi l'austerità, l'umiltà, l'obbedienza e la povertà.

Il secondo gradino è quello illuminativo sperimentato da Francesco quando si è incontrato con il vangelo e che si perfezionò con la stesura della Regola e con la pratica della pietà, della carità e della preghiera. Il terzo gradino è quello unitivo che porta alla più perfetta comprensione delle Scritture, allo spirito di profezia, ma soprattutto a comprendere con l'amore, ciò che la scienza non era in grado di spiegare. La massima espressione della via unitiva è la stigmatizzazione che quasi non fa distinguere Cristo da Francesco.

Più oltre non si va perché


Francesco ha raggiunto la Gloria


QUANDO VUOI, PUOI SENTIRE COME PROTEZIONE A CASA TUA: IL PROFUMO CHE EMANAVA SANTA RITA DA CASCIA:”LA ROSA”. SAN PADRE PIO:”IL GELSOMINO”- SAN GIOVANNI PAOLO II: “IL CEDRO”.


www.aromys.it






AS VIAS DO ESPIRITO

Imitação ..... 3.20 DA CONFISSÃO DA PRÓPRIA FRAQUEZA E DAS MISÉRIAS DESTA VIDA

Image

Imitação ..... 3.20
 
DA CONFISSÃO DA PRÓPRIA FRAQUEZA
E DAS MISÉRIAS DESTA VIDA

 
Confessarei contra mim mesmo a minha iniquidade: confessar-vos-ei, Senhor, a minha fraqueza. Muitas vezes um nada me abate e me contrista. Proponho agir varonilmente, mas apenás quando me vier uma pequena tentaçaõ, sinto grande angustia. Às vezes de uma coisa insignificante procede de grave tentação. Outras vezes, quando me julgo um tanto seguro, eis-me, não raro, prostado por um leve sopro.  Vede, Senhor, minha baixeza e minha fragilidade, tão de vós conhecida. Compadecei-vos de mim e tirai-me do lodo,para que não me atole: nem fique para sempre soterrado. O que,  frequentemente, me atormenta e confunde, diante de vós, é sentir-me tão inclinado a cair e tão fraco em resistir às paixões.

THE WAYS OF THE SPIRIT

RINGRAZIARE DIO SEMPRE

Image

RINGRAZIARE DIO SEMPRE

Una riflessione

Dobbiamo ringraziare sempre Dio di ogni cosa che ci dona, San Paolo ce lo esorta sempre.  Tutto ci é stato donato e noi consideriamo poco il fatto che ogni cosa é un dono. Diamo troppo per scontata ogni cosa e purtroppo l'abitudine cancella in noi la tendenza a riconoscere e ringraziare Dio, l'artefice di tutto.  Questa tendenza al ringraziamento trasformerebbe i nostri cuori nella vera pace che solo il Signore ci puó dare. Avere un cuore pieno di riconoscenza per il Creatore Padre sarebbe un buon principio di conversione, ma difficilmente riusciamo a capirlo.

 

LOS CAMINOS DEL ESPIRITU

Jesucristo, Rey del universo

Image

Jesucristo, Rey del universo
- Evangelio: Juan 18,33-37
“Con que, ¿tú eres rey? Tú lo dices: soy Rey. Yo para esto he nacido y para esto he venido al mundo; para ser testigo de la verdad…Todo el que es de la verdad, escucha mi voz”.

En esta Solemnidad vemos un Reino esparcido y repartido por los campos. Es un Reino que, con el Rey que lo rige, nos enseña un trono que sin palabras lo dice todo: la cruz.
 Un Rey que, sin palabras, lo hace todo con su presencia, su mirada y su testimonio. Cristo Rey, entre otras cosas, nos invita a dar la vuelta un poco al día a día de nuestra existencia.
 No podemos decir “Tú eres Rey” si, a continuación, nosotros no le rendimos nuestras capacidades, no le ofrecemos nuestras habilidades o le negamos nuestra voz en esas situaciones que reclaman nuestro testimonio y nuestro respaldo.


WEGE DES GEISTES

Videopensiero - Corpus Domini

Image
 
Corpus Domini
L'atto di fede del credente
 
a cura di
Don Lucio Luzzi
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Preghiere

croce dei giovani noi ti guardiamo

Image

Croce dei Giovani noi ti guardiamo

I giovani sono gabbiani, il loro volo ci affascina.
Sono acqua pulita e nuova, rugiada fresca
e vita sui nostri volti e sul cuore.
Sono arcobaleni colorati:
danno senso alla nostra vita stanca e grigia.
l giovani sono il sole: quando li guardiamo e li ascoltiamo
ci regalano luce e calore.