Image

La mia devozione alla
Venerabile Lucia Burlini

Ho sentito parlare di Lucia Burlini dal tempo del noviziato, quando i formatori narravano le vite dei santi dell'Istituto e di quelli che, pur non essendo membri, erano vissuti col carisma della  Passione, diretti dal
Fondatore o dai nostri primi Padri nella via della perfezione, ed erano morti in concetto di santità, alcuni dei quali già avviati alla glorificazione sulla terra, da parte della Chiesa. E ne ho seguito le varie tappe. Ma nel 1991/1992, scrivendo la vita del Fondatore S. Paolo della Croce e consultando i documenti sui primi anni di storia dello Congregazione e sulle anime da lui dirette, mi sono imbattuto nella figura di Lucia Burlini.

Image
La Venerabile Lucia Burlini

Ne sono rimasto stupefatto. La vaga storia che di lei avevo sentito s'è tramutata in una storia affascinante. Lo stupore è aumentato, quando ho letto la vita di Lucia.

Si attende soltanto un miracolo attribuito a lei, perchè la Chiesa possa elevarla agli onori degli altari. con il titolo di Beata.

I Passionisti e la grande schiera dei suoi devoti aspettano ardentemente che il Signore voglia glorificare sulla terra questa dolce e forte donna, che, sotto la direzione spirituale del Fondatore, fu in vita partecipe generosa della sua Passione e giunse alle vette più alte dell'unione con Dio.

Lucia è il capolavoro della grazia e della direzione spirituale di S.Paolo della Croce. Quasi analfabeta ma segnata fin dalla nascita dalla grazia, percorse tutti i gradi dell’unione con Dio,sotto la guida di Paolo, coadiuvato da don Giovanni Lucattini, poi parroco di Piansano, che si avvalse anche lui degli insegnamenti che il santo dava a Lucia e morì in concetto di alte virtù. Per me Lucia è un miracolo di santità, compiuto da Gesù crocifisso, che essa si era scelto come sposo, facendolo oggetto di tutto il suo amore verginale. Il Crocifisso la ricambiò con amore ancora più forte, con l’amore divino: l’abbracciò e la strinse al costato per un tempo misticamente infinito e volle che, come sposa, divenisse conforme a sé, Dio Crocifisso. Oltre alle pene spirituali, le donò le più aspre  sofferenze fisiche.

Lucia non ebbe le stimmate del costato, delle mani e dei piedi, come Santa Gemma Galgani, ma ebbe il corpo trafitto in ogni parte e quasi scarnificato, come quello di Gesù, durante la flagellazione.

 

Stimatasi privilegiata per questi e altri simili favori, ne dava gioiosamente annunzio al suo santo Direttore, il quale le aveva insegnato che le sofferenze sono un dono di Gesù, alle anime che si era scelto come amanti.

E quando Paolo nelle sue lettere le comunicava di essere anche lui in grandi tribolazioni, Lucia, che aveva fatto tesoro dei suoi insegnamenti,  gli rispondeva rallegrandosi con lui del dono del dolore, che Dio gli aveva fatto Padre Antonio Calabrese, passionista.

Lettera firmata e a me inviata da un noto biografo
vaticanista di S. Paolo della Croce

Padre Bernardino Bordo, passionista



Porto a conoscenza di una bella iniziativa. Quella di Aromys - Home fragrances soprattutto perchè va ad esaltare la figura di questi straordinari personaggi che hanno speso la loro vita per il prossimo e per la Chiesa. Oggigiorno è infatti raro vedere l'esaltazione dei Santi; mentre invece si prediligono sempre esempi e personaggi molto spesso discutibili. Viva Aromys allora!

 

Info su: www.aromys.it

AS VIAS DO ESPIRITO

A Pascoa Judaica

Image
A Pascoa Judaica


A palavra " Pascoa"  tem origem dao termo Judeu " Peasch" que significa "passagem". Era a festividade anual cujo os ebreus celebravam a milagrosa passagem do mar vermelho, quando, depois  de 430 anos de escravidåo no Egito , foram libertados por Moises. Os hebreus celebram ate' hoje esta recorréncia. Moises levou os Israelitas cruzando o deserto na direçåo da Palestina " a terra prometida", uma viajem que demorou 40 anos e foi cheia de dificuldades, pois, passar com uma caravana tåo povoada sobre campos e trilhas, criava brigas entre eles e os donos dos terrenos. Para evitar tudo isso Moises escolheu a estrada mais dura no deserto.





THE WAYS OF THE SPIRIT

Festivity of All Saints

Image

Festivity of All Saints:
vision of Paradise


Our calendar reminds us every single day the name of one saint, which is equivalent to our name, "Feast Day". The Church gives very much importance to the feast of  All Saints that celebrates every year on the first day of November. This festivity reminds us the stupendous reality of the vision of paradise when the crowds of saints together with myriads of Angels live in the eternal vision the beatitude of God.
 

LOS CAMINOS DEL ESPIRITU

Se abre la Semana Mayor de la Iglesia

Image

Se abre la Semana Mayor de la Iglesia

“Cristo quiso padecer por nosotros. Dijo el apóstol Pedro: Cristo quiso padecer por ustedes, dejándoles un ejemplo para que sigan sus huellas (1 Ped 2, 21). Te enseñó a padecer y te enseñó padeciendo. Poco era la palabra, sin añadir el ejemplo. Y, ¿cómo enseñó, hermanos? Colgaba de la cruz, los judíos se ensañaban con él, que colgaba de duros clavos, pero no perdía la dulzura. Ellos se ensañaban, ellos ladraban en torno suyo, ellos insultaban al que colgaba. Como a un médico supremo puesto en el centro, rabiosos lo atormentaban por todos lados. Él colgaba y sanaba: Padre – dijo -,perdónalos porque no saben lo que hacen (Lc 23,24). Suplicaba y también colgaba; no descendía, porque iba a hacer de su sangre un medicamento para los rabiosos
.

WEGE DES GEISTES

Imitação....2.7 DO AMOR DE JESUS SOBRE TODAS AS COISAS

Image

Imitação....2.7
 
DO AMOR DE JESUS SOBRE TODAS AS COISAS
 

Bem-aventurado aquele que conhece o que é amar a Jesus e desprezar-se a si mesmo, por amor de Jesus ! É necessário por esse amigo renunciar a qualquer outro, pois Jesus  quer ser amado só, acima de tudo. alaz e volúvel é o amor das criaturas: fiél e constante o de Jesus. Quem se prende à criatura será arrastado por ela em sua queda. Quem se abraça a Jesus perseverará firme. Ama-o e conversa com ele como teu amigo, a ele que, quando todos te abandonem, não te desamparará, nem consentirá que pereça eternamente.

Preghiere

Io ti adoro...

Image

... silenzioso Dio

O Gesù ti adoro, Ostia candida,
sotto un vel di pane, nutri l'anima.
Solo in te il mio cuore si abbandonerà,
perché tutto è vano se contemplo te.

L'occhio, il tatto, il gusto non arriva a te,
ma la tua parola resta salva in me:
Figlio sei di Dio, nostra verità;
nulla di più vero, se ci parli tu.