Image


La carità non fa
il male al prossimo

PENSIERO DELLA DOMENICA
+ VIDEO CORRELATO

Il Maestro nella sua catechesi al popolo, non si è mai limitato a generiche indicazioni e benevole conclusioni.
E’ stato categorico nel suo insegnamento.
Non ha preso mai in considerazione convenienza, accomodamenti e compromessi.
Non perché fosse un duro: ”Io sono la verità...”  disse e questa è incompatibile con tentennamenti e mezze misure.
Non userà mai mezzi termini ”Vedete un po’… in qualche caso… forse…”.

Image
Gesù raffigurato in uno dei suoi insegnamenti

Ci ammonisce che abbiamo l’obbligo caritativo, di aiutare il prossimo che sbaglia: “Se il tuo fratello commetterà un colpa contro di te, va e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni”. 

Poveri Apostoli; sono rimasti muti, non hanno avuto il coraggio nemmeno di esporre il loro disagio a questo categorico comando! Ma Gesù non è un despota, che ordina soltanto.
Starà vicino a loro, li aiuterà, ma quello per Lui determinante è che cambino radicalmente mentalità.

E la stessa cosa dice e fa con ciascuno di noi. Non vuole promesse, timidi propositi, che portano la nostra condizione ad essere peggiore di prima.

Ci sembra una imposizione durissima, perché anche per noi il perdono spesso lo consideriamo sinonimo di debolezza, di sconfitta.

Rifletti un momento alla nostra situazione familiare, così frequente: dissidi tra fratelli e sorelle, accuse ai genitori che non sono equanimi nelle divisioni, l' insofferenza verso la suocera, la nuora, il genero... con le conseguenze drastiche che codifichiamo con le nostre espressioni: ” Basta… non voglio saperne più niente... non la voglio vedere più davanti... quella è la cattiveria in persona… è perfidia...”  e conclusioni, purtroppo, di auguri malefici.

E questa sarebbe la nostra vita cristiana?
Prova anche tu a fare la domanda: Signore, ma oggi, nei tempi moderni e così controversi, chi è il mio prossimo? Io penso che debba escludere chi mi ha fatto del male; proverò, al massimo, a non odiarlo!
 

In famiglia mia ci sono problemi, divisioni, ingiustizie, pretese, presunzioni…
Non mi dire Signore, che questi devono essere il mio prossimo da amare…

Nel lavoro subisco concorrenza sleale; in ufficio il comportamento del “capo” è insopportabile...
Io questi li ho cancellati dall’elenco del mio prossimo.

Faccio bene?
Se vivo in comunità o a contatto con il pubblico, non mi dire Signore che devo sorridere sempre a tutti.
Per carattere io rispondo a tono a certe critiche sbagliate; al massimo potrò abbassare un po’ la voce, ma gli devo dire quello che penso..

Perché Signore, non mi rispondi?
Ho capito: le mie azioni, i miei modi, i miei comportamenti, anche se con la ragione cerco di giustificarli, non coincidono con il tuo insegnamento.
La cosa che mi lascia perplesso è che Tu non mi dici: "Provaci almeno in parte…". Sei, come al solito  categorico, per il mio bene “Se mi vuoi seguire, questa è la strada da percorrere…”.
Ci proverò Signore; aiutami e forse inizierà tanta pace nel mio cuore!

VIDEO CORRELATO

  AMORE

Image


Don Lucio Luzzi
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

AS VIAS DO ESPIRITO

Solenidade de Pentecostes

Image

Solenidade de Pentecostes
8 Junho 2014
Uma reflexão


Tema do Domingo de Pentecostes O tema desse domingo é, evidentemente, o Espirito Santo. Dom de Deus a todos os crentes, o Espirito dá vida, renova, transforma, constroe comunidades e faz nascer o Homem Novo. O Evangelho apresenta-nos a comunidade cristã reunida à volta de Jesus ressuscitado.  Para João essa comunidade passa a ser uma comunidade viva, recriada, nova, a partir do dom do Espirito. É o Espirito que permite aos crentes superar o medo e as limitações e dar tesetemunho no mundo desse amor que Jesus viveu até as ultimas consequências.



Codice shinistaT

THE WAYS OF THE SPIRIT

Jesus Christ's features

Image

From a letter of
Publius Lentulus
to Tiberius (31 d.C.)


Letter  from  Publius Lentulus, governor of Judah, to  the Emperor about  Jesus Christ’s features.  Lentulus was a contemporary with Christ. This document is of great historical value and it is very truthful.