Image



XXVII^ domenica del
Tempo Ordinario

Anno A

La vigna del Signore
è la casa d'Israele

PENSIERO DELLA DOMENICA
+ VIDEO CORRELATO
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Nella precedente parabola Gesù aveva opposto una classe del popolo ebreo, orgogliosa ed ostinata come i farisei, alla classe degli infimi e dei peccatori, pentiti e convertiti. In questa parabola invece, e nella seguente, tutto il popolo eletto, che verrà riprovato, viene contrapposto ai pagani che verranno accolti nel Regno dei cieli. L’insegnamento vale per ogni anima che respinge il divino invito alla salvezza, e per l' anima che, antecedentemente lontana da Dio, accoglie tale invito.

 
Image
Miniatura tedesca secolo XI
Museo di Norimberga

“C’era un uomo, che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì  una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano. Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo. Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: ”Avranno rispetto per mio figlio!”. Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: ”Costui è l’erede. Su uccidiamolo e avremo noi la sua eredità”. Lo presero, lo cacciarono fuori della vigna e lo uccisero”.


Il quadro della parabola è veristicamente palestinese:

LA SIEPE difensiva era un muretto a secco, sormontato da siepi.

IL TORCHIO viene detto giustamente “scavato” perché in un angolo roccioso della vigna, veniva infatti scavato un bacinetto di un metro e più di profondità, dove defluiva il succo, che veniva spremuto, con i piedi nudi, in un altro bacino più largo e poco profondo, posto accanto e un poco più in alto.

LA TORRE tonda e rudimentale, coronata da un terrazzino riparato da frasche, serviva per la guardia nel tempo dei frutti.

Il PADRONE rappresenta Dio Padre.

LA VIGNA, secondo una classica immagine biblica, è il popolo eletto.

La conclusione della parabola è impressionante:

“… perciò io vi dico; a voi sarà tolto il Regno di Dio
e sarà dato a un popolo che ne produce i frutti”.

La parabola impone a me e a te, una seria riflessione: noi non siamo degli sconosciuti da parte di Dio, che ci comportiamo come crediamo, perché all’oscuro di una via che ci può portare alla salvezza eterna.

La premura di questo Dio Padre verso di me e verso di te, contraddistingue il nostro percorso terreno.

Proveniamo da famiglie cristiane, oneste, forse anche praticanti. I sacramenti ci hanno accompagnato nelle prime tappe del nostro cammino di fede.

Ma poi, abbiamo usufruito del grande dono della libertà, seguendo le vie del piacere, benessere, egoismo, giustificando tutto con il detto “... io faccio quello che mi pare...”; ci siamo immersi nelle tenebre e non riusciamo più ad intravedere la strada della salvezza.

Signore mio, quanto ti dovrei essere grato per la bontà e misericordia che ancora usi verso di me!

Image

Sono tentato, sempre, di giustificare il mio comportamento ma sento di dover fare mia la preghiera del pubblicano:

”Abbi pietà di me che sono un povero peccatore!”

Don Lucio Luzzi
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Video correlato
"La vera vite"
Image

Vie dello Spirito
Portale Cattolico Italiano
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Image

Tutti i diritti riservati - All rights reserved

Image


AS VIAS DO ESPIRITO

FESTA DO BABTISMO DE JESUS

Image

FESTA DO BABTISMO DE JESUS
11 JANEIRO DE 2015
UMA REFLEXÃO


A liturgia desse domingo tem como cenario de fundo o projeto salvador de Deus. No baptismo de Jesus, nas margens do rio Jordão,  revela-se o filho amado de Deus que veio ao mundo enviado pelo Pai com a missão de salvar os homens. Cumprindo o projeto do Pai Ele se fez como um de nós, partilhou a nossa fragilidade humana, libertou-nos do egoismo e do pecado e empenhou-se em promover-nos para que pudessemos chegar à vida em plenitude.

THE WAYS OF THE SPIRIT

Pilate and the Sanhedrim The last round

Image

Pilate and the Sanhedrim
The last round


Shocked by an unjust sentence extorted to him;
Shaken by a death he esteemed too sudden,
Bothered by Joseph’s of Arimathea request for the body,
Troubled by the Sanhedrim’s request to remove quickly the bodies from the crosses,
Pilate asked himself what else now?



LOS CAMINOS DEL ESPIRITU

XXII DOMINGO DURANTE EL AÑO – 1º DE SEPTIEMBRE

Image

XXII DOMINGO DURANTE EL AÑO – 1º DE SEPTIEMBRE
“Todo el que se enaltece será humillado y el que se humilla será enaltecido”
El egoísmo es mentira, el orgullo ocasiona sufrimiento a nosotros y a los demás, la pretensión de tener la razón nos hace perder los perfumes más hermosos de la vida.
 La humildad es otra cosa; es aceptación de lo que somos, capacidad para apreciar a los demás, libertad frente a los halagos y las críticas, silencio frente a tanta mentira, distanciamiento de la corrupción. La humildad es andar en verdad; en ese terreno florece la oración, la amistad, el diálogo, la tolerancia, el encuentro y el compromiso.
Humildes no son los que reprimen y esconden los dones, ni los que se inventan virtudes; humildes son los que con mirada lúcida se atreven a reconocer la grandeza de los que están abajo.   Jesús, solo tú sabes mirar mi corazón.


WEGE DES GEISTES

UN FARISEO INVITÓ GESÚ A PRANZO


Image

UN FARISEO INVITÓ GESÚ A PRANZO


" Vangelo: Luca 11.37 "

Una riflessione



In quel tempo, mentre Gesú stava parlando, un fariseo lo invitó a pranzo. Egli andó e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meraviglió che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo. Allora il Signore gli disse: "  Voi, farisei, pulite l'esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno é pieno di aviditá e cattiveria. Stolti !  Colui che ha fatto l'esterno non ha forse fatto anche l'interno ?  Date, piuttosto, in elemosina quello che ci é dentro, ed ecco, per voi tutto sará puro." (Lc 11.37)


Preghiere

L'IMPORTANZA DELLA PREGHIERA Una riflessione

Image

L'IMPORTANZA DELLA PREGHIERA
Una riflessione

Innanzi tutto vediamo brevemente alcune delle cose che Gesú ci ha detto sulla preghiera. Di per se quasi tutto il Vangelo é una lezione sulla preghiera e Gesú risponde quasi sempre alle richieste fatte nelle preghiere  con fede: " tutto quello che chiederete con fede nella preghiera lo otterete" (Mt 21.22) Ha insegnato a perdonare prima della preghiera dicendo:" quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro qualcuno, perdonate, perché anche il Padre vostro che é nei cieli perdoni a voi i vostri peccati." (Mc 11-25)