Image

TU VEGLIASTI SULLA MIA GIOVINEZZA

Rivedo nella prospettiva del tempo con quanta cura, o Maria, hai vegliato sui miei passi dietro a Gesù, che mi chiamava. Disseminavo i sentieri del mio paesello e poi le varie casa di formazione con i sogni di conquiste missionarie, per cui non mi sembrava nulla affrontare disagi, pericoli. Inseguivo vari progetti di arte letteraria, musicale, figurativa, convinto che tutto avrebbe giovato alla mia missione. Affrontavo rinunce appena credibili, di una vita religiosa austera, senza mezze misure, per fortificare una volontà che avrebbe dovuto votarsi alla dilatazione del Regno del tuo Figlio.




Ma sulla mia aurora giovanile brillavi tu, Madre soave; impressa nel cuore la tua immagine; bruciante nell’anima il tuo sguardo. Non ce l’avrei fatta da solo. Altri giovanetti, migliori di me, si sono arresi. Altri più preparati, si sono smarriti.
Io ho continuato a disegnare campagne apostoliche, sull’orizzonte dell’oltremare…
Mentre tu sapevi. Sapevi che tuo Figlio mi avrebbe impegnato su altri settori, più insidiosi, per pregiudizi, religiosità magico sacrale e diabolismi fantasiosi, all’insegna di visionari allucinanti e spregiudicati disegni di lucro…
Tu mi hai preso la mano e l’hai portata sul mio petto, mentre una commozione impercettibile tacitava ogni turbamento dello spirito e ricomponeva tensioni, accumulate dalla fatica, dalle occupazioni e fa insuccessi umilianti..

A questo punto, o Maria, mi rammarico talvolta di lasciarti un po’ da parte, quasi mi interessi più dei tuoi figli che di te. Ma tu sai che non è vero. Forse sono solo a temerlo. Perché mi coinvolgo con ciascuno e ciascuna di loro, come se mi coinvolgessi con te.
Difatti delle volte ho l’impressione d’incontrarmi con la tua tenerezza, che mi ripaga di tutto.
Ma pure tu pensi che sia così? Perché non me lo fai capire più chiaramente?
Che, forse, serve a mantenermi più umile e diffidato di me stesso?
Resto in attesa di una tua risposta..interna.

AS VIAS DO ESPIRITO

Imitação.....1.13 DA RESISTÊNCIA ÀS TENTAÇÕES



Imitação.....1.13
 
DA RESISTÊNCIA ÀS TENTAÇÕES ( da resistência às tentações)

 
 
Enquanto vivemos neste mundo não podemos estar sem tentações e trabalhos.
Daí, estar escrito no livro de Jó:" È um combate a vida do homem sobre a terra"
Cada qual, pois seja solicito em acauterlar-se contra as tentaçõe pela vigilância e pela oração, para que não o surprenda o demónio que nunca dorme e busca, de todos os lados, a quem possa devorar.
Ninguém há tão perfeito e santo que não tenha, às vezes,tentações: não podemos viver totalmente isentos delas.



Ainda que rudes e penosas, são, contudo, utilissimas quase sempre, porque nelas é que o homem se prova, purifica e instrui.
Todos os santos passaram por muitos trabalhos e tentações e grande proveito colheram: os que, porém, não  puderam suportar, foram reprovados e pereceram
Não há comunidade tão santa e lugar tão retirado, onde não haja tentações e adversidades.
Nenhum homem, enquanto viver, está livre das tentações, porque em nós mesmos está a fonte donde promana: a concupiscência com que nascemos.

THE WAYS OF THE SPIRIT

Song of Love

Image

Mary of Nazareth

You were there in silence,
Maybe in prayer;
With thoughts facing the future
And with the spring of life in the heart.
Poor house, rough walls, too narrow to accommodate
the expectations of better.
And Gabriel, the angel of light, said to You:
"Rejoice, your God wrapped you with love
and asks to turn your womb to the sky".

 

LOS CAMINOS DEL ESPIRITU

CUANDO ME ENSANCHES EL CORAZÓN

Image

CUANDO ME ENSANCHES EL CORAZÓN

Me apegué a tu Palabra, Señor, no me defraudes.
Correré por el camino de tu voluntad, cuando me ensanches el corazón.
Aún no sé amar como quisiera, Señor.
Aún me falta mucha anchura de corazón.
Aún no sé entregarme a los demás del todo.
Todavía no sé obrar con limpieza total de intenciones.
Aún busco la perfección, buscando el aplauso.



WEGE DES GEISTES

IL VALORE DI MARIA


Image

IL V
ALORE DI MARIA

"Il Signore ha fatto cose grandiose in me "  Luca 1.49



Dopo il Concilio Vaticano Secondo cominciamo a  cogliere i frutti dell'equilibrio e della forza dello Spirito, presente nella storia del popolo di Dio e della umanitá in tutto il suo contesto.  Una delle espressioni di questo sembra essere la riscoperta della modernitá e attualitá di Maria. Movimenti sociali, politici e religiosi guardano verso Maria con rinnovato interesse alla luce delle nuove realitá della  nostra storia. I movimenti femministi vedono in Maria una donna forte, sicura e capace, una giovane che riflette prima di prendere decisioni, capace de assumere per conto proprio il destino della vita senza necessitare di consigli o approvazioni di nessuno, neppure del proprio marito. 

Preghiere

PERCHÉ E COME PREGARE ? Un pensiero

PERCHÉ  E  COME   PREGARE  ?
          Un pensiero


La preghiera come dialogo com Dio é un bene sommo, essendo una vera intimitá con Lui stesso. Come gli occhi del corpo vedendo la luce ne sono schiariti cosí anche l'anima che é tesa verso Dio viene illuminata dalla luce ineffabile della preghiera. Non deve essere frattanto una preghiera fatta per abitudine, ma che proceda dal cuore e non deve essere circonscritta a determinati tempi e ore ma fiorire continuamente notte e giorno. Non bisogna innalzare il nostro animo a Dio solamente quando attendiamo con tutto lo spirito alla preghiera. Occorre che anche quando siamo occupati in altre faccende sia nella cura verso i poveri sia in altre attivitá inpreziosite magari dalla generositá verso il prossimo, abbiamo il  desiderio e il ricordo di Dio, perché, insaporito dall'amore divino come da sale, tutto diventi cibo gostosissimo al Signore dell'universo. Possiamo godere continuamente di questo vantaggio, anzi, per tutta la vita se a questo tipo di preghiera dedichiamo il piú possibile del nostro tempo. La preghiera é la luce dell'anima, vera conoscenza di Dio, mediatrice tra Dio e l'uomo. L'anima elevata per mezzo suo in alto fino al cielo abbraccia il Signore con amplessi ineffabili.  La preghiera funge da augusta messaggera dinanzi a Dio  e allo stesso tempo rende felice l'anima perché appaga le sue aspirazioni, dovendo essere una preghiera autentica e non sole parole meccaniche.   Essa é um desiderio di Dio, un amore ineffabile che non proviene dagli uomini ma prodotto di una grazia divina. Di essa l'Apostolo dice: " non sappiamo pregare come conviene, ma lo spirito santo intercede per noi con gemiti inesprimibili."( Rom. 8.26b)  Se il  Signore da a qualcuno tale modo di pregare é una richezza da valorizare  e un cibo celeste che sazia l'anima. S elo ha gustato si accende il desiderio celeste per il Signore come un fuoco ardente che infiamma l'anima. Dobbiamo abbellire la nostra casa di modestia e umiltá mediante la pratica della preghiera e rendere splendida la nostra abitazione con la luce della giustizia e ornare le pareti con opere buone come una patina di oro puro e al posto dei muri e delle pietre preziose collocare la fede e la magnimitá ponendo ogni cosa in alto sul fastigio la preghiera e decoro di tutte le cose.  Solo cosí prepariamo al Signore una degna demora e cosí lo accoglieremo  in splendida reggia e  cosí trasformerai la tua anima in un tempio della sua presenza...........