Image

Il sacerdote al servizio della comunità

La Chiesa dedica una domenica all’anno ai pastori e questi ogni festa di precetto sono invitati a celebrare una Santa Messa per i fedeli. Quindi se una volta l’anno il gregge prega per il pastore è giustizia, amore, apprezzamento per il ministero sacerdotale ed anche interesse proprio. Infatti tutti siamo interessati a chiedere al Signore un pastore che ami Dio e le sue pecorelle, perchè se amasse solo se stesso, più che come pastore si comporterebbe come mercenario.

Image

Il pastore che celebra la Santa Messa indossa vesti liturgiche talvolta bellissime e di grande valore, ma sotto è sempre un uomo, anzi un povero uomo. Chi può intuire le difficoltà che incontra un giovane quando sceglie di farsi sacerdote?


Qui non si tratta di fare una scelta limitata a qualche tempo, ma ogni giorno e per tutta la vita si deve rinnovare il “si” detto il giorno della ordinazione. Rispondere si, significa affrontare la giornata sempre fresca di gioie e di difficoltà a volte dure e imprevedibili.
Rispendere sempre positivamente con gioia, generosità e prontezza non è un impegno, ma un maxi impegno, per il cui assolvimento è necessario l’aiuto di Dio e quindi la preghiera dei fedeli.


I pastori non possono limitarsi a dare a Dio solo frammenti di preghiera. Essere trasparenti, autentici e coerenti sempre è faticoso, perché è facile imbattersi in compromessi, ambiguità ed imborghesimenti, commercianti di roba usata e non paladini di valori autentici.


Il Vangelo è un cristallo compatto, trasparente e pieno di luce, se si incrina o si appanna con sconti perde valore. Il pastore è stato ideato per compatire chi sbaglia e solo un amore infinito poteva affidare ad un uomo il perdono  di Dio all’ uomo.
Non per nulla il pastore è stato definito anche “Cristo vestito di miseria”.
E’ proprio la miseria dell’uomo -  pastore che mette sullo stesso livello confessore e penitente, cosicché  parlando la stessa lingua è più facile capire e compatire. Quando un peccatore perdona un altro peccatore, il peccato è ridotto al minimo, mentre trionfa l’Amore.


 Chi guida il gregge deve consultarsi con il suo Signore attraverso la preghiera, quindi è necessario pregare perché il pastore sia uomo di preghiera. I motivi  per pregare per i pastori sono tanti ma ce ne è uno particolare che scaturisce dal più profondo della carità.
Occorre pregare perché il Signore perdoni le infedeltà, le inadempienze, le miserie del pastore.


La Chiesa veste i suoi sacerdoti con vesti liturgiche di grande valore non solo per dare gloria al Signore, ma anche per nascondere la carne debole di chi le indossa e per ricordare ai fedeli, che chiunque sia colui che sale sull’altare, è sempre un consacrato di Dio.
Anzi, per finire, quando ci si sta scandalizzando per il comportamento di qualche sacerdote, prima di giudicarlo, ci si deve onestamente chiedere: quanto ho pregato per lui?
Chi non prega mai è complice della mancanza e delle mancanze dei pastori.

Don Enrico Righi

AS VIAS DO ESPIRITO

15 Agosto ASSUNÇÃO DE NOSSA SENHORA ASSUNTA AO CÉU

15 Agosto
 
ASSUNÇÃO DE NOSSA SENHORA
 ASSUNTA AO CÉU

 

 
Oh, Virgem Imaculada, Mãe de Deus e dos homens. Cremos com todo fervor de nossa fé em Tua triunfante Assunção em alma e corpo ao céu, onde és aclamada Rainha por todos os coros dos anjos e por todos os santos, e a eles nos unimos para louvar e bendizer o Senhor que Te exaltou sobre todas as demais criaturas, para oferecer-Te à veemência de nossa devoção e de nosso amor.
 


THE WAYS OF THE SPIRIT

Jesus Christ's features

Image

From a letter of
Publius Lentulus
to Tiberius (31 d.C.)


Letter  from  Publius Lentulus, governor of Judah, to  the Emperor about  Jesus Christ’s features.  Lentulus was a contemporary with Christ. This document is of great historical value and it is very truthful.

 

Preghiere

Preghiera del politico

Image

Signore, ho un sorriso che allontana...

Signore, sono un politico.


Lo so che è difficile riconoscermi, poiché è restato molto poco di quanto avevo quando ho iniziato a percorrere la via della politica. Allora ero pulito, sincero, schietto, avevo un sorriso aperto ed incoraggiante, mi commuovevo dinanzi alle necessità della povera gente e non vedevo l'ora di arrivare per aiutarla.
Ero certo che la politica andava male perché mancavo io, ma poi, con il mio arrivo, tutto sarebbe cambiato. Filibustieri, ladri, intrallazzatori, arrampichini, cacciatori di stipendi ed incompetenti avrebbero dovuto vedersela con me.